Ovulazione: Ecco Come Calcolare il Tuo Periodo di Ovulazione

Inviato da:

Gravidanza Miracolosa
Temperatura Basale e Muco Cervicale: i Tuoi Alleati!

Come abbiamo accennato nell’articolo precedente, esistono diversi metodi per calcolare il tuo periodo di ovulazione e, tra questi, ci sono il calcolo della temperatura basale e l’osservazione del muco cervicale.

Oggi parleremo proprio di questi due metodi, del tutto naturali e, soprattutto, gratuiti!

Imparare a osservare e a capire questi due fattori, ti aiuterà a sapere quand’è il momento migliore per cercare di concepire e per aumentare le tue possibilità di rimanere incinta!

Che cos’è la Temperatura Basale?

 La temperatura basale è la temperatura più bassa che il tuo corpo raggiunge in un periodo di 24 ore, in concomitanza dell’ovulazione. Il momento migliore per misurarla è con la prima urina della giornata, appena ti svegli. Prima ancora di scendere dal letto per iniziare la tua giornata, misura la tua temperatura basale con un termometro specifico che puoi trovare in qualsiasi farmacia (puntualizza che ti serve per misurare la temperatura basale, perché il termometro comune che usi per misurare la febbre non va bene). Di solito, assieme al termometro, le farmacie rilasciano anche una sorta di tabella, in cui potrai annotare le tue misurazioni ogni giorno. E’ importante misurare la temperatura basale sempre alla stessa ora. Probabilmente ti servirà monitorare uno o due cicli per capire il tuo “modello di ovulazione”.

Scopri quando si sta avvicinando il tuo periodo di ovulazione per aumentare le tue probabilità di concepire

Prima dell’ovulazione, la tua temperatura basale varia da 36,2° a 36,7°. Due o tre giorni dopo l’ovulazione, i cambiamenti ormonali che essa provoca causano un aumento di circa 0,4°/1°. Questo aumento durerà almeno fino alla successiva ovulazione. Se riuscirai a rimanere incinta, la tua temperatura basale rimarrà elevata per tutta la gravidanza.

Naturalmente, il calcolo della temperatura basale ti dirà solamente che hai già ovulato, perciò dovrai monitorare la tua temperatura basale per almeno due o tre cicli, così da evidenziare una sorta di grafico. Così facendo capirai quali sono i giorni migliori per cercare di concepire.

Ricordati sempre che l’unico momento della giornata per fare una misurazione precisa e accurata è la mattina appena sveglia.

Come può aiutarti a rimanere incinta il muco cervicale?

Che cos’è il muco cervicale?

Ci sono molti tipi differenti di perdite vaginali, alcune indicano infezioni o problemi riproduttivi, altre invece possono esserti di grande aiuto, come, appunto, il muco cervicale.

Nel corso del ciclo mestruale, il muco cervicale cambia consistenza, quantità e colore, grazie ai cambiamenti dei livelli ormonali. Controllare il tuo muco cervicale e prendere nota di questi cambiamenti ti aiuterà a capire quando avviene l’ovulazione.

Quando inizia il ciclo, vedrai ovviamente del sangue mestruale; quando il ciclo finisce, sarai probabilmente molto asciutta per diversi giorni. Dopo di che, inizierai a vedere del muco cervicale di colore torbido e dalla consistenza appiccicosa. In questi non giorni non c’è molta probabilità di rimanere incinta.

Con l’avvicinarsi dell’ovulazione (di solito un paio di giorni prima), il muco diventerà chiaro e scivoloso, molto simile al bianco dell’uovo crudo, e aumenterà di quantità. Questo è un buon momento per cercare di concepire, perché la consistenza scivolosa del muco rende molto più facile il viaggio degli spermatozoi.  In particolare, l’ultimo giorno in cui il muco cervicale ha questa consistenza è particolarmente favorevole (solitamente si tratta del giorno prima o del giorno dell’ovulazione).

Come per la temperatura basale, anche per il muco vale il “controllo di prima mattina”.

Per alcune donne questo controllo è molto semplice, dato che producono una grande quantità di muco, visibile anche nella carta igienica. Altre, invece, hanno bisogno di raccoglierne un po’ con il dito. Quest’operazione è estremamente semplice e indolore, devi solo assicurarti di arrivare a toccare il collo dell’utero per prendere un po’ di muco e poterlo esaminare.

 Come puoi usare la temperatura basale e il muco cervicale per predire l’ovulazione?

Come detto prima, tracciare una specie di grafico della tua temperatura basale e osservare il tuo muco cervicale ti può essere molto utile per calcolare l’ovulazione (a grandi linee si tratta dei due o tre giorni prima dell’aumento della temperatura basale e del giorno dopo al cambiamento del muco cervicale).

Una volta fatti questi monitoraggi per un paio di mesi potrai determinare con una certa precisione il momento della tua ovulazione. Ovviamente serve anche una piccola dose di fortuna: tutto dipende dal tuo corpo e dalla sua regolarità.

 Una volta determinati i giorni di ovulazione, quando devi cercare di concepire?

Il tuo periodo di ovulazione dura circa cinque giorni: da tre giorni prima dell’ovulazione fino al giorno è il momento migliore per cercare di concepire! Puoi iniziare con i tentativi anche un po’ prima…non fa mai male!

Ogni giorno di ovulazione è un’ottima possibilità di realizzare il tuo sogno, quindi….sfrutta al meglio ciò che hai imparato e buona fortuna!

Gravidanza Miracolosa

 

 

2

Commenti

  1. Donatella  settembre 21, 2015

    Ciao Carlotta, mi fa ‘ piacere aver scoperto il tuo blog! Anche se in ritardo. Ho 48 anni e nn sono ancora riuscita, purtroppo, ad avere il nostro bimbo. Sono riuscita a restare incinta per ben 2 volte, in modo naturale, ma al secondo mese è finito tutto. La seconda volta è successa proprio un anno fa’! Io e mio marito abbiamo fatto gli esami, ma è tutto ok. Secondo te cosa posso fare? È tardi provare a mettere in pratica i tuoi consigli sul calcolo del periodo di ovulazione? Grazie buona serata.

    rispondere
    • Carlotta Sinceri  settembre 29, 2015

      Ciao Donatella, ti ho risposto via email in privato 😉

      rispondere

Aggiungi un commento